Stupefatto

Giovedi 21 Marzo 2019, ore 10.00

Ai giovanissimi viene correttamente insegnato che la droga fa male.
I ragazzi poi, crescendo, vedono amici che si divertono usando droghe e risultano più estroversi, più allegri. In quel momento il dubbio si insinua nei loro pensieri e i ragazzi, giustamente, cercano di capire: crederanno alle spiegazioni dei propri amici oppure le raccomandazioni di educatori e genitori avranno la meglio?
Partendo da questa premessa, ITINERARIA TEATRO ha costruito uno spettacolo, in forma di narrazione, dal titolo: “STUPEFATTOAvevo 14 anni, la droga molti più di me”, proposto negli ultimi tre anni a numerose scuole medie e superiori, superando le 70.000 presenze, in varie regioni d’Italia.

L’efficace approccio e il carico emotivo dello spettacolo riescono a scardinare alcuni luoghi comuni diffusi tra i giovanissimi: “Smetto quando voglio”; “La canna fa meno male delle sigarette”; “Sono droghe naturali”; “Lo faccio una volta sola… per provare”.
Com’è possibile interessare i ragazzi e coinvolgerli in una riflessione profonda su questi temi? Non è semplice nella quotidianità scolastica o familiare. Non è facile a tu per tu, lo è ancor meno confrontandosi con un numeroso e variegato gruppo.
I mezzi professionali teatrali e l’esperienza dell’attore sono risultate armi efficaci per raggiungere questo obiettivo. Lo ha dimostrato Fabrizio De Giovanni, interprete di “STUPEFATTO”, che da oltre vent’anni fa del Teatro Civile e dell’impegno sociale i suoi cavalli di battaglia.

 

Una produzione del Teatro Sociale Itineraria Teatro

Età: dedicato alle scuole medie e superiori.
VINCITORE DEL PREMIO NAZIONALE ENRIQUEZ 2016  come Miglior attore, Migliore drammaturgia, Miglior Compagnia.

(tratto dall’autobiografia di Rico Comi)

Una produzione di ITINERARIA TEATRO

con Fabrizio De Giovanni

Regia Maria Chiara Di Marco

Musiche Eric Buffat

Lo spettacolo dura 1 ora e mezza, al termine Rico Comi dialogherà con gli studenti e risponderà alle eventuali domande. Si prega di considerare, per i trasporti, l’orario delle 12 come termine dell’incontro.

Dedicato ai ragazzi dai 12 anni in poi.